Cicerchia primaticcia

Lathyrus vernus
Fabacee (Fabaceae)


(si applicano tutti i crediti e i diritti della fonte Wikipedia)

La cicerchia primaticcia (Lathyrus vernus (L.) Bernh., 1800) è un piccolo arbusto perenne ed erbaceo appartenente alla famiglia delle Fabacee.

Etimologia

Si dice che il creatore della denominazione del genere sia il botanico francese Joseph Pitton de Tournefort (1656 – 1708). Sembra che pensando alle presunte proprietà afrodisiache di alcune piante del genere abbia accostato due termini: la particella intensiva la e il verbo greco thero (= io riscaldo) e abbia quindi creato il nome del genere lathyrus. In realtà tale nome era conosciuto già nei tempi antichi: Teofrasto lo aveva usato per alcune non meglio identificate leguminose. L'epiteto specifico (vernus = primavera) fa riferimento alla precocità della fioritura ed è stato assegnato dal naturalista svedese Carl von Linné nel 1753 inizialmente ad un altro genere: Orobus; mentre invece l'assegnazione definitiva al genere attuale è opera del botanico tedesco Johann Jakob Bernhardi (1774-1850). Gli inglesi chiamano questa pianta con nome di Spring-vetch.

Descrizione

È una pianta alta al massimo 30 -40 cm, quasi glabra. La forma biologica è del tipo geofita rizomatosa (G rhiz): quindi sono piante la cui parte sotterranea del fusto (chiamata rizoma), ad ogni nuovo anno produce nuove radici e nuovi fusti (chiamati avventizi).

Radici

Radici secondarie da rizoma.

Fusto

  • Parte ipogea: la parte interrata è un rizoma.
  • Parte epigea: la parte aerea è eretta e semplice (le foglie e l'infiorescenza si presentano solo nella parte alta del fusto); la sezione del fusto è angolosa.

Foglie

Le foglie sono paripennate (o pennato-composte in numero pari) con 4 – 8 segmenti largamente lanceolati (quasi ovali) e terminanti con una robusta punta. La lamina fogliare è penninervia. Sono presenti inoltre delle stipole semi astate; mentre la parte apicale della foglia (asse centrale o rachide) si prolunga in una breve resta. Le foglie non sono persistenti, cadono dopo la fioritura. Dimensioni delle foglie: larghezza 10 -13 mm, lunghezza 22 -35 mm; dimensioni delle stipole: larghezza 9 mm, lunghezza 18 mm.

Infiorescenza

L'infiorescenza si compone di pochi fiori (5 – 8 fiori) ed è lungamente peduncolata. I fiori sono penduli dalla tipica forma papilionacea. La fioritura inoltre non è contemporanea ma procede dal basso verso l'alto (fioritura acropeta). Dimensione dei peduncoli fiorali: 4 -5 mm.

Fiori

I fiori sono ermafroditi, pentameri (calice e corolla a 5 parti) e zigomorfi.

  • Formula fiorale:
K (5), C 5, A (5+5), G 1
  • Calice: il calice è a tubo; i denti sono di lunghezze diverse (quello inferiore è più lungo degli altri). Lunghezza del tubo calicino: 4 -5 mm.
  • Corolla: la corolla è composta da 5 petali (corolla papilionata); quello superiore (che normalmente ha funzioni vessillifere) è spatolato, allargato, eretto e ripiegato in alto; i due petali intermedi (le ali) e i due inferiori sono concresciuti a forma di carena ottusa (questa racchiude l'androceo e il gineceo). Alla fioritura è rossa o rosea-violetta, nella fase intermedia è azzurra e alla fine blu-verde. Il vessillo ha 18 -19 mm di larghezza con un'unghia (parte basale d'attacco) di 10 -12 mm; la carena è lunga 13 mm; in tutto la corolla è lunga 1,5 -2 cm.
  • Androceo: gli stami sono 10 monadelfi (riuniti tutti alla base in un unico fascetto fino ad un medesimo livello).
  • Gineceo: l'ovario è supero e uniloculare (formato da 1 carpello); lo stilo è ricurvo con stimma apicale ed è pubescente sul lato superiore.
  • Fioritura: questa specie incomincia a fiorire in aprile e termina in maggio.
  • Impollinazione: tramite insetti; è da notare che la particolare forma del calice favorisce l'accesso ad insetti del tipo calabroni.

Frutti

Il frutto è di colore bruno; la forma è lineare e piatta ed è glabro; all'interno sono contenuti diversi semi scuri. Si apre in due valve (è un frutto deiscente). Dimensioni del legume: larghezza 5 -7 mm, lunghezza 30 -35 mm.

Distribuzione e habitat

  • Geoelemento: il tipo corologico (area di origine) è Eurasiat., ossia una zona compresa tra l'Europa e il Giappone attraverso l'Asia.
  • Diffusione: la “Cicerchia primaticcia” si trova in quasi tutta l'Europa; verso oriente arriva fino al Caucaso e alla Siberia. In Italia è comune soprattutto sui rilievi montani, ma è assente nelle isole.
  • Habitat: le piante di questa specie vivono di preferenza nei boschi di latifoglie (faggete), ma anche nei querceti.
  • Diffusione altitudinale: le quote alle quali è possibile trovare questa pianta vanno dai 400 m s.l.m. del piano collinare ai 1800 m s.l.m. del piano subalpino, passando per il piano vegetazionale montano.

Varietà alpine

In questo paragrafo vengono descritte le due sottospecie alpine vernus e gracilis (vengono evidenziati soprattutto quei dati che si discostano dalla specie base).

Lathyrus vernus subsp. vernus

  • Nome comune: Cicerchia primaverile
  • Morfologia: i lobi fogliari sono più ovali (o anche oblanceolati); dimensione dei segmenti fogliari: larghezza 1,5 -2,5 cm, lunghezza 3,5 -5 cm.
  • Diffusione: è la specie più comune e si trova praticamente in tutte le zone alpine. Il tipo corologico (area di origine) è Eurosib., quindi zone fredde e temperato-fredde dell'Eurasia.
  • Habitat: l'habitat tipico per questa sottospecie sono i boschi di faggio, abete, acero, betulle in ambienti termofili o meso-termofili; con substrato calcareo o calcareo-siliceo, con terreno dal pH basico e con valori nutrizionali e di acqua medi.
  • Fitosociologia - questa varietà appartiene alla seguente comunità vegetale:
Formazione : Comunità forestali;
Classe : Carpino-Fagetea sylvaticae

Lathyrus vernus subsp. garcilis

  • Nome comune: Cicerchia gracile
  • Morfologia: i lobi fogliari sono più numerosi (fino a 12) e sensibilmente più lineari; dimensione dei segmenti fogliari: larghezza 0,2 -1 cm, lunghezza 4 -12 cm.
  • Diffusione: questa varietà si trova più facilmente nelle Alpi orientali (province: UD BL TN BS BG CO SO). Il tipo corologico (area di origine) è S. Eur.-Mont., quindi zone montane dell'Europa meridionale.
  • Habitat: si possono trovare nei querceti termofili submediterranei (questa varietà non è presente nel piano vegetazionale subalpino, ma solo in quelli inferiori), ma anche nei boschi di faggio e abeti mesofili; il substrato preferito da queste piante è quello calcareo, con pH basico ma bassi livelli nutrizionali in ambiente abbastanza secco.
  • Fitosociologia - questa varietà appartiene alla seguente comunità vegetale:
Formazione : Comunità forestali;
Classe : Carpino-Fagetea
Ordine : Fagetalia sylvaticae
Alleanza : Aremonio-Fagion

Usi

Farmacia

  • Sostanze presenti: è considerata una pianta officinale; contiene alcuni glucosidi, acido tannico, oli e sostanze coloranti.
  • Proprietà curative: astringente (limita la secrezione dei liquidi) e vulneraria (guarisce le ferite).

Giardinaggio

La “Cicerchia primaticcia” è una pianta di facile coltura: resiste a temperature anche rigide e a condizioni di scarsa acqua (ha radici abbastanza profonde). La posizione migliore è quella in mezzombra con impasti nutrizionali medi di terreno.

Galleria d'immagini

Note

Bibliografia

  • Wolfgang Lippert Dieter Podlech, Fiori, TN Tuttonatura, 1980.
  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume secondo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, p. 631.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume primo, Bologna, Edagricole, 1982, p. 688, ISBN 88-506-2449-2.
  • 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.
  • AA.VV., Flora Alpina. Volume primo, Bologna, Zanichelli, 2004, p. 878.

Voci correlate

  • Specie di Lathyrus

Altri progetti

  • Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Lathyrus vernus
  • Wikispecies contiene informazioni su Lathyrus vernus

Collegamenti esterni

  • Flora delle Alpi Marittime, su floramarittime.it. URL consultato il 01-11-2008.
  • Flora Italiana, su luirig.altervista.org. URL consultato il 01-11-2008.
  • Index synonymique de la flore de France, su www2.dijon.inra.fr. URL consultato il 01-11-2008.
  • Flora Italiana, su luirig.altervista.org. URL consultato il 01-11-2008.

Dove?

Famiglia(29)

WWW info


Continu di ricerca
Dimensione Forma Colore che vanno
Dimensione Forma Colore che vanno
0 Specie simili (LA):
Sspring vetchling
Voorjaarslathyrus
Frühlings-Platterbse
Gesse printanière
Cicerchia primaticcia
Lathyrus vernus [L.]
Lathyrus vernus [L.]
Чина весенняя
Lathyrus vernus [L.]




© Copyright Nature-Guide The Netherlands 2020 da RikenMon se non diversamente specificato.